Spazio alla poesia di Agostino Dibilio


 

 

 

 

 

 

 

 

Esistenza

Passano gli ultimi attimi al calar del sole,

e il buio avvolge in un manto

il mio sguardo e come d’incanto

la luce artificiale illumina il mio

cammino.

Assaporo l’aria fresca e

il silenzio della notte, ove solo i miei passi

disturbano i miei pensieri.

M’avvicino all’uscio e con estrema delicatezza,

senza turbare il sonno

di chi ormai si è già calato,

entro nell’ovile che accoglierà

i sogni e pensieri che

m’accompagneranno

per tutta la notte.

Abbandono le vesti del giorno

per accogliere quelli del riposo

lasciandomi alle spalle

un momento della mia vita

i cui ricordi si affievoliscono

col passare dei minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA *