Oggi recensiamo “Poetare di te” di Liviana Ceccarelli


Non è mai semplice recensire una raccolta di poesie. Lo si fa sempre con delicata cautela, con quel timore di non riuscire a raccontare al lettore chi sia il poeta e cosa abbia voluto esprimere attraverso i propri versi. Nel caso di Liviana Ceccarelli forse il compito è più agevolato dal tema, quello del dolore, della perdita, del ricordo. Una dopo l’altra queste poesie rivelano un animo non ancora guarito dalla perdita lacerante di una figura, quella paterna, che si ripropone nei ricordi, di particolari, di sensazioni olfattive e uditive, rimanendo un ricordo incancellabile. Ne abbiamo scelta una, che ci ha molto colpiti e che proponiamo ai nostri lettori come testimonianza dell’impronta poetica, forte e impapabile allo stesso tempo, di Liviana. Una raccolta da sfogliare con garbo, rispetto e ammirazione.

 

Scrivere di te

Proiettili nel cuore

attraversano netti e gelidi

un respiro già apnea

Scrivere di te

è come gridare

Scrivere di te

è rabbiosa fuga fuori dall’anima

per poter sparire in un’altra realtà

Troppo bianco, troppo vuoto

Un corridoio infinito giungeva a te,

te che ormai non eri più mio.

Già immobile,

annaspavi nell’aria,

sommessamente arrendevole senza essere vinto.

Sapevi di dover andare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA *